Translation Information

Project website https://debian-handbook.info/
Mailing list for translators debian-handbook-translators@lists.alioth.debian.org
Instructions for translators

https://debian-handbook.info/contribute/

Translation process
  • Translations can be made directly.
  • Translation suggestions can be made.
  • Any authenticated user can contribute.
  • The translation uses bilingual files.
Translation license GNU General Public License v2.0 or later
Repository https://salsa.debian.org/hertzog/debian-handbook.git
Repository branch jessie/master
Last remote commit cs-CZ: 07 complete 38c31c10
Jaroslav Tesař authored 3 months ago
Repository containing Weblate translations https://hosted.weblate.org/git/debian-handbook/12_advanced-administration/
Filemask*/90_derivative-distributions.po
Translation file it-IT/90_derivative-distributions.po
Resource update 4 years ago
None

Committed changes

Debian Handbook / 90_derivative-distributionsItalian

Committed changes 4 years ago
Ubuntu and Debian used to have a tense relationship; Debian developers who had placed great hopes in Ubuntu contributing directly to Debian were disappointed by the difference between the Canonical marketing, which implied Ubuntu were good citizens in the Free Software world, and the actual practice where they simply made public the changes they applied to Debian packages. Things have been getting better over the years, and Ubuntu has now made it general practice to forward patches to the most appropriate place (although this only applies to external software they package and not to the Ubuntu-specific software such as Mir or Unity). <ulink type="block" url="http://www.ubuntu.com/" />
Ubuntu e Debian hanno un rapporto teso; gli sviluppator di Debian che avevano riposto grandi speranze nel contributo diretto che Ubuntu avrebbe potuto dare a Debian sono stati delusi dalla differenza tra il marketing di Canonical, che implica che Ubuntu sia un buon cittadino nel mondo del Software Libero, e la pratica reale dove sono state semplicemente rese pubbliche le modifiche applicate ai pacchetti Debian. Le cose sono andate sempre meglio nel corso degli anni, ed ora Ubuntu ha reso pratica generale trasmettere le patch nel luogo più adatto (anche se questo vale solo per il software esterno che viene pacchettizzato e non per il software di Ubuntu come Mir o Unity). <ulink type="block" url="http://www.ubuntu.com/" />
4 years ago
Ubuntu and Debian used to have a tense relationship; Debian developers who had placed great hopes in Ubuntu contributing directly to Debian were disappointed by the difference between the Canonical marketing, which implied Ubuntu were good citizens in the Free Software world, and the actual practice where they simply made public the changes they applied to Debian packages. Things have been getting better over the years, and Ubuntu has now made it general practice to forward patches to the most appropriate place (although this only applies to external software they package and not to the Ubuntu-specific software such as Mir or Unity). <ulink type="block" url="http://www.ubuntu.com/" />
Ubuntu e Debian hanno un rapporto teso; gli sviluppator di Debian che avevano riposto grandi speranze nel contributo diretto che Ubuntu avrebbe potuto dare a Debian sono stati delusi dalla differenza tra il marketing di Canonical, che implica che Ubuntu sia un buon cittadino nel mondo del Software Libero, e la pratica reale dove sono state semplicemente rese pubbliche le modifiche applicate ai pacchetti Debian. Le cose sono andate sempre meglio nel corso degli anni, ed ora Ubuntu ha reso pratica generale trasmettere le patch nel luogo più adatto (anche se questo vale solo per il software esterno che viene pacchettizzato e non per il software di Ubuntu come Mir o Unity).
4 years ago
Ubuntu and Debian used to have a tense relationship; Debian developers who had placed great hopes in Ubuntu contributing directly to Debian were disappointed by the difference between the Canonical marketing, which implied Ubuntu were good citizens in the Free Software world, and the actual practice where they simply made public the changes they applied to Debian packages. Things have been getting better over the years, and Ubuntu has now made it general practice to forward patches to the most appropriate place (although this only applies to external software they package and not to the Ubuntu-specific software such as Mir or Unity). <ulink type="block" url="http://www.ubuntu.com/" />
Ubuntu e Debian hanno un rapporto teso. Gli sviluppator di Debian che avevano riposto grandi speranze nel contributo diretto che Ubuntu avrebbe potuto dare a Debian sono stati delusi dalla differenza tra il marketing di Canonical, che implica che Ubuntu sia un buon cittadino nel mondo del Software Libero, e la pratica reale dove sono state semplicemente rese pubbliche le modifiche applicate ai pacchetti Debian. Le cose sono andate sempre meglio nel corso degli anni, ed ora Ubuntu ha reso pratica generale trasmettere le patch nel luogo più adatto (anche se questo vale solo per il software esterno che viene pacchettizzato e non per il software di Ubuntu come Mir o Unity).
4 years ago
Ubuntu and Debian used to have a tense relationship; Debian developers who had placed great hopes in Ubuntu contributing directly to Debian were disappointed by the difference between the Canonical marketing, which implied Ubuntu were good citizens in the Free Software world, and the actual practice where they simply made public the changes they applied to Debian packages. Things have been getting better over the years, and Ubuntu has now made it general practice to forward patches to the most appropriate place (although this only applies to external software they package and not to the Ubuntu-specific software such as Mir or Unity). <ulink type="block" url="http://www.ubuntu.com/" />
Ubuntu e Debian hanno un rapporto teso. Gli sviluppator di Debian che avevano riposto grandi speranze nel contributo diretto che Ubuntu varebbe potuto dare a Debian sono stati delusi dalla differenza tra il marketing di Canonical, direttaTuttavia, non tutto è rose e fiori, soprattutto per i programmatori Debian che avevano nutrito grandi speranze nei contributi diretti di Ubuntu in Debian. Anche se questa situazione è migliorata nel corso degli anni, molti sono stati infastiditi dal marketing Canonical, che suggeriva che quelli di Ubuntu erano bravi cittadini nel mondo del Software Libero, semplicemente perché rendevano pubblici i cambiamenti che applicavano ai pacchetti Debian. I sostenitori del Software Libero sanno che una patch generata automaticamente è di poca utilità per il processo di contributo agli autori a monte.
Ottenere l'integrazione del proprio lavoro richiede l'interazione diretta con l'altra parte.
4 years ago
Canonical has adjusted multiple times the rules governing the length of the period during which a given release is maintained. Canonical, as a company, promises to provide security updates to all the software available in the <literal>main</literal> and <literal>restricted</literal> sections of the Ubuntu archive, for 5 years for LTS releases and for 9 months for non-LTS releases. Everything else (available in the <literal>universe</literal> and <literal>multiverse</literal>) is maintained on a best-effort basis by volunteers of the MOTU team (<emphasis>Masters Of The Universe</emphasis>). Be prepared to handle security support yourself if you rely on packages of the latter sections.
Canonical ha modificato più volte le norme che disciplinano la durata del periodo durante il quale è mantenuto un dato rilascio. Canonical, come una società, promette di fornire gli aggornamenti di sicurezza per tutto il software disponibile nelle sezioni <literal>main</literal> e <literal>restricted</literal> dell'archivio di Ubuntu, per 5 anni per i rilasci LTS e per 9 mesi per i rilasci non-LTS. Tutto il resto (disponibile in <literal>universe</literal> e <literal>multiverse</literal>) è mantenuto su base best-effort (miglio sforzo) da volontari del team MOTU (<emphasis>Masters Of The Universe</emphasis>). Siate pronti a gestire il supporto di sicurezza da soli se utilizzate pacchetti di queste ultime sezioni.
4 years ago
Devuan is a relatively new fork of Debian: it started in 2014 as a reaction to the decision made by Debian to switch to <command>systemd</command> as the default init system. A group of users attached to <command>sysv</command> and opposing (real or perceived) drawbacks to <command>systemd</command> started Devuan with the objective of maintaining a <command>systemd</command>-less system. As of March 2015, they haven't published any real release: it remains to be seen if the project will succeed and find its niche, or if the systemd opponents will learn to accept it. <ulink type="block" url="https://devuan.org" />
Deuvan è un fork di Debian relativamente nuovo: è partito nel 2014 come reazione alla decisione presa da Debian di passare a <command>systemd</command> come sistema di init predefinito. Un gruppo di utenti affezionato a <command>sysv</command> e contrario agli inconvenienti (reali o percepiti) di <command>systemd</command> ha iniziato Deuvan con l'obiettivo di mantentenere un sistema senza-<command>systemd</command>. Da Marzo 2015, non è stato pubblicato nessun vero rilascio : resta da vedere se il progetto avrà successo e troverà la sua nicchia, oppure se gli oppositori di systemd impareranno ad accettarla. <ulink type="block" url="https://devuan.org" />
4 years ago
<primary><literal>restricted</literal></primary>
<primary><literal>restricted</literal></primary>
4 years ago
Raspbian is a rebuild of Debian optimised for the popular (and inexpensive) Raspberry Pi family of single-board computers. The hardware for that platform is more powerful than what the Debian <emphasis role="architecture">armel</emphasis> architecture can take advantage of, but lacks some features that would be required for <emphasis role="architecture">armhf</emphasis>; so Raspbian is a kind of intermediary, rebuilt specifically for that hardware and including patches targeting this computer only. <ulink type="block" url="https://raspbian.org" />
Raspbian è una ricostruzione di Debian ottimizzata per il popolare (e poco costoso) computer single-board della famiglia Raspberry Pi. L'hardware per quella piattaforma è più potente di quello che l'architettura Debian <emphasis role="architecture">armel</emphasis> può sfruttare, ma manca di alcune funzionalità che sarebbero richieste per <emphasis role="architecture">armhf</emphasis>; così Raspbian è una sorta di intermediario, ricostruita appositamente per quell'hardware e comprendendo le patch dedicate solo per questo computer. <ulink type="block" url="https://raspbian.org" />
4 years ago
Browse all translation changes

Customize download

Statistics

Percent Strings Words Chars
Total 70 1,554 11,659
Translated 100% 70 1,554 11,659
Needs editing 0% 0 0 0
Failing check 44% 31 36 808

Last activity

Last change Dec. 22, 2015, 8:58 a.m.
Last author Marco De Luca

Activity in last 30 days

Activity in last year